In fase di avvio il progetto di IRST in partnership con Spimpro





Ecco le considerazioni dell'IRST sul nuovo progetto di ricerca a cui Spimpro partecipa come partner tecnico.
La Spirulina è un Cianobatterio (organismo unicellulare procariota, fotoautotrofo) conosciuto per il suo alto valore nutrizionale in quanto, nella sua formulazion secca, contiente dal 50% al 70% di contenuto proteico che comprende tutti gli amminoacidi essenziali. Essa contiene anche altri nutrienti tra cui vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B6 e B9), vitamina C, vitamina D, vitamina A, vitamina E, nonché elementi come potassio, calcio, cromo, rame, ferro, magnesio, manganese, fosforo, selenio, sodio e zinco.

Proprio per queste sue caratteristiche, la Spirulina è da tempo oggetto di ampi studi applicati in campo alimentare e finalizzati al suo utilizzo come integratore in grado di rispondere a diverse esigenze nutrizionali.

I risultati ottenuti finora hanno inevitabilmente stimolato la curiosità nell'indagare se gli effetti derivanti dall'assunzione di questo Cianobatterio potessero riscontrarsi anche in ambito oncologico, esplicandosi in un'attività antitumorale. Sebbene alcuni studi siano già disponibili, ad oggi la letteratura a riguardo risulta essere ancora molto povera di informazioni.

Il carcinoma mammario triplo negativo (TNBC) è uno dei sottotipi biologici in cui viene classificato il tumore della mammella. Si tratta di un tipo molto aggressivo, caratterizzato dall'avere una scarsa risposta alle chemioterapie convenionali e con una prognosi molto sfavorevole. Per questa ragione, la ricerca di nuove terapie che possano migliorare la risposta e le condizioni di pazienti affette da TNBC è obiettivo primario di coloro che sono impegnati nella ricerca preclinica in questa patologia.

Ci proponiamo quindi di indagare gli effetti della Spirulina su modelli in vitro di linee celllulari di TNBC. In particolare, saranno inizialmente condotti test in chemioluminescenza per la stima di una eventuale attività antiproliferativa della Spirulina, con successive valutazioni in citofluorimetria dei suoi effetti sul ciclo cellulare e sulla vitalità. Sulla base dei risultati ottenuti, l'indagine potrà poi essere estesa ad una analisi di tipo molecolare finalizzata a determinare cambiamenti nell'espressione di alcuni geni chiave coinvolti nei meccanismi di tumorigenesi e progressione tumorale.




Vuoi contattarci per richiedere
maggiori informazioni?

Puoi chiederci un'offerta di fornitura o maggiori
informazioni inerenti ad una tua richiesta specifica.

Piazza Falcone e Borsellino, 1
47121 - Forlì (FC)
spimprospa@spimprospa.it
0543 093615